Vai al contenuto

  • Connettiti con Facebook Log In with Google      Connettiti   
  • Registrati

Close Open
Close Open

Filo_

Registrazione 17 set 2017
Offline Ultima Attività gen 11 2019 18:33
-----

Statistiche Comunità


  • Gruppo Lombardia
  • Messaggi Attivi 0
  • Visite profilo: 141
  • Titolo utente: Nuovo arrivato
  • Età: 66 anni
  • Compleanno: Febbraio 15, 1953
  • Gender
    Maschio Maschio
  • Interests
    Fotografia naturalistica, macro, viaggi, paesaggio

Previous Fields


  • Città
    Novate Milanese (Mi)
  • Corpo macchina
    Nikon Z6, D7500, P7700
  • Ottica preferita
    14-24 F2.8, 24-120 F4, 105 Micro F2.8
  • Biografia
    Nato nel 1953, la mia vita fotografica inizia abbastanza presto grazie alla biottica Flexaret di mio padre.
    Ero un ragazzino e per gioco ho cominciato a scattare in B/W con questo oggetto ed un esposimetro esterno.
    Ai tempi ero totalmente estraneo alle tecniche di sviluppo e stampa. Solo dopo un bel po' mi sono interessato anche a questo settore.
    All'occorrenza ho usato anche qualche Kodak Instamatic e Polaroid. Mi divertivo con paesaggi e foto a parenti ed amici.
    La Fujica ST 701 + 50 mm e 35 (avevo 18 anni) è stata la mia prima reflex. Lavorava in stop-down e pretendevo di fare macro senza vedere quasi niente nel mirino. Però mi ha insegnato un sacco di cose, soprattutto a fidarmi del mio istinto. Una vera palestra di apprendistato perché avevo lasciato la fotografia "da gioco" per quella "ragionata".
    Questo è stato per me un oggetto di profondo rispetto. Parafrasando, la prima reflex non si scorda mai...

    Dal B/N sono poi passato alle diacolor e qui mi son fermato ben oltre l'avvento del digitale. Usavo soprattutto le Agfa 50S Pro perché potevo seguirne direttamente lo sviluppo col K-41.
    Ma i limiti erano evidenti ed era giunto il tempo di passare a qualcosa che mi avrebbe vincolato per sempre a Nikon: la F2 Photomic (allora Nippon Kogaku K.K.). Un vero torello modulare. Completamente smontabile e ripulibile senza tanti stress è stata la mia fedele compagna di ventura per tantissimi anni dal '73 fino alla sua sostituzione con la D200, prima digitale entrata nel mio corredo.

    Questa reflex mi ha permesso di vincere dei concorsi e poi di entrare ufficialmente nello staff tecnico dell' Ospedale presso il quale svolgevo attività di oculista. Così è iniziata una collaborazione durata diversi anni per riprese di macro e micro, di fotografia su biomicroscopio con lampada a fessura, microscopia a colonna in sala operatoria, fluorangiografia retinica e argon-laser.
    Tante riprese per pubblicazioni scientifiche ed opere di sensibilizzazione sulla popolazione concernenti diabete, glaucoma, ed interventi su vitreo e retina sono state da me eseguite proprio con questa macchina manuale eccezionalmente versatile.
    Gli obiettivi che l'accompagnavano non sono stati numerosi perché quasi sempre c'era da staccare il corpo e posizionarlo su questi strumenti (tipicamente Zeiss) mediante adattatori. Ben presto ho sostituito lo schermo di messa a fuoco standard (stigmometro orizzontale) con uno finemente smerigliato: la lunetta inferiore diventava nera ed era impossibile mettere a fuoco. Questo è diventato poi il mio schermo definitivo: molto pratico e veloce.

    Confesso che il passaggio al digitale ha sconvolto anche me. Ho tardato parecchio nella conversione, specialmente quando ho letto che una Velvia esposta attraverso un'ottica buona equivaleva ad una digitale da 25 Megapixel (se è vero...)

    Ed eccoci arrivati alla fine del mio breve excursus. Dalla foto scientifica, richiesta da altri e destinata ad altri, finalmente ora faccio qualcosa per me e mi diverto certamente di più visto che non sono tenuto a tempi tecnici e tematiche che, francamente, mi hanno stancato nella loro monotonia. Passato a D700 e D7000 con vari obiettivi Nikkor Pro (alcuni appartenenti al vecchio corredo) attualmente sono in compagnia della Z6 e D7500.

    Mi piace fotografare in montagna, la street, i paesaggi, la macro, i ritratti ambientati, storie di viaggio in altri paesi e le feste di paese. Un bel salto rispetto a prima, non c'è che dire. Non stampo quasi più e tutta la mia produzione è rivolta a proiezione in AVCH con bande audio sincrone.
    I tempi passano per tutti e si matura (o si invecchia...a scelta). Certo che se vedo una farfalla o qualche altro insetto, rapidamente metto mano al fidato 105 Micro Nikkor (il lupo perde il pelo ma non il vizio, dopotutto...!)
  • Nazione
    Italy
  • Regione
    Lombardia

0 Neutral

Strumenti utente

Amici

Filo_ non ha ancora aggiunto degli amici

Ultimi Visitatori

Nessun visitatore da visualizzare

Il Nikon Club Italia è parte integrante dell'Associazione Nazionale Domiad Photo Network, Associazione di tipo NO-PROFIT, Cod.Fisc. 97034510780, scarica qui il nostro Statuto (clicca).